Pubblicato da: nonhosonno | aprile 14, 2009

Il caso dell’infedele Klaradi Roberto Faenza

Luca (Claudio Santamaria) è un musicista e abita a Praga da 5 anni. Da circa 12 lune vive con Klara (Laura Chiatti), una bellissima ragazza che sta per laurearsi e di cui Luca è molto innamorato. Tanto da essere ossessionato dalla gelosia nei suoi confronti. E tanto da rivolgersi a Denis, un detective privato, per seguire Klara, controllarla, pedinarla. Ma soprattutto: trovare le prove della sua infedeltà. Il detective è un personaggio con alcune turbe. Con la moglie ha un rapporto libero, agli antipodi rispetto a quello del suo cliente. Nel matrimonio di Denis ognuno può fare quello che desidera con chi desidera, senza problemi, risentimenti, inutili gelosie. Ma è veramente così? L’amore che cos’è? Esiste senza possessività? E se sì, dov’è il limite del possesso?

Tratto dall’omonimo romanzo del ceco Michal Viewegh, il film di Roberto Faenza ha tanti difetti, ma al regista va riconosciuto il coraggio di cantare fuori dal coro e, di conseguenza, la possibilità di steccare. Preferisce cantare a squarciagola e non si vergogna di stonare, anche se le note che escono fuori da Il caso dell’infedele Klara spesso sono piacevoli come un gesso che striscia sulla lavagna. Scrittura, infedele_clarabattute, persino l’ambientazione – che resta praghese mentre i protagonisti diventano italiani – non tornano proprio. Senza contare l’effetto soft-core in alcune scene, che fa ridere… se poi ci aggiungete che Chiatti e Santamaria si doppiano da soli su labiale inglese, la ciliegina sulla torta è messa e la credibilità crolla. Infine, il peccato originale: Faenza vuole “mettere dentro” tutto, dire tanto, troppo e non governa con polso la materia. Nel film ci caccia persino la storia di Kafka e Milena. Ma raccontata da Klara (tutto sommato una giovane semplice), la raffinata perversione del grande pornografo Franz proprio non rende. Il libro di Viewegh gioca con i piani di realtà in maniera “pirandelliana”: c’è un romanzo nel romanzo, il protagonista è uno scrittore praghese e l’obiettivo è far smarrire al lettore le coordinate realtà/finzione. Nel film vince invece la linearità narrativa e per questo, al posto della proliferazione dei possibili, Faenza gioca con le “geometrie” tra le coppie. In modo meccanico, un bel po’ scontato.

Dove si salva, quindi, il film? Il caso dell’infedele Klara si “salva” per due ragioni: la prima è l’evidente ironia del regista. Faenza gioca, si diverte, non pretende di fare un film profondo (anzi), e la cosa depone a suo favore perché la superficialità meccanica che regge gli incastri tra coppie acquisisce un valore e un senso. E se Faenza ha detto di aver amato da morire El di Bunuel, ma di non aver ritenuto di poterne fare un remake, del regista iberico c’è il distacco dai personaggi ma più alla maniera dei film chiatti_santamariaanni ’70 che non dei morbosi capolavori degli anni ’50 e inizio ’60. La perversione è guardata con occhio sornione, le nevrosi dei protagonisti un po’ dileggiata, anche se con meno crudeltà rispetto a Bunuel e forse con un tocco del Truffaut di Baci rubati (non a caso Antoine Doinel nel film lavorava in un’agenzia privata che spiava i fedigrafi). Il film è a tratti inguardabile – la scena dei due maschi che fanno a botte: repellente – ma alla fine misteriosamente qualcosa lo salva. Ed è la leggerezza, la superficialità. Intendiamoci, non è bello ma potrebbe andare peggio. Da ultimo, Laura Chiatti è molto brava. La ragazza ha talento. Riesce a carpire i registri in maniera peculiare. Un bell’animale da cinema. In tutti i sensi.

Il caso dell’infedele Klara, di Roberto Faenza, Italia, 2009, 90 minuti

Cast: Claudio Santamaria, Iain Glen, Laura Chiatti, Kierston Wareing, Paulina Bakarova, Anna Geislerová, Miroslav Simunek, Zuzana Fialová, Dorota Nvotová, Daniela Merlo, Yemi Akinyemi, Dinah Geiger, Adriano Wajskol.

Distribuzione: Medusa

Uscita: 27 marzo 2009

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: